IN EVIDENZA

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Riceviamo... E-mail
La Barrozza - Natale 1994 - anno III n.3
Scritto da Renato Peroni   

Riceviamo…

“Illustrissima Pro Loco di Ruscio, quando ho vista pubblicata la mia poesia dedicata al mio Paese, sulla Barrozza, sono rimasta piacevolmente sorpresa…Stefania P.”

 

Carissima Stefania,

come vedi, rispetto il tuo desiderio di rimanere nell’anonimato “per motivi di timidezza”, come tu stessa scrivi in altra parte della tua lettera, ma una cosa non condivido: la tua sorpresa nel leggere su “La Barrozza” una tua poesia.

Il nostro modesto mezzo di “trasporto” è a disposizione di quanti vogliano in qualche modo far sentire la propria voce, dare un contributo di conoscenza, manifestare un sentimento di amicizia e di affetto per questa terra e i suoi abitanti. Abbiamo sempre detto che Ruscio rappresenta una palestra per i nostri giovani, dove allenarsi ad affrontare i ben più impegnativi appuntamenti con gli eventi della vita.

Quindi, rallegrati perché continueremo a pubblicare le tue poesie e speriamo che, piano piano, vista la tua timidezza, gli amici di Ruscio abbiano la possibilità di ringraziarti personalmente per i tuoi sinceri sentimenti di affetto per il Paese che ha dato i natali ai tuoi genitori.

 

Renato Peroni

 
< Prec.   Pros. >