Home arrow La Barrozza arrow Natale 1994 - anno III n.3 arrow Breve cronaca di un mese inseme

IN EVIDENZA

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Breve cronaca di un mese inseme E-mail
La Barrozza - Natale 1994 - anno III n.3
Scritto da Pastrengo   

Come ogni anno le manifestazioni “ludiche “ hanno visto una grande e entusiastica partecipazione.

In ordine, certamente non dettato dal merito, ricordiamo le esibizioni del nostro mitico e invidiato Gruppo “Pino e le …cinghie tese” che ha ravvivato le serate di Ruscio offrendoci ottima musica d’autore. In più, è stato replicato con enorme successo e divertimento il karaoke che ha visto nascere nuovi cantanti dalle insospettabili doti canore, mentre per altri, ahimè, ha sentenziato addirittura l’esilio da Ruscio.
Il gruppo, finalmente arricchito dall’affascinante presenza femminile della bravissima Annarita Peroni, anno dopo anno accresce il suo repertorio e affina l’arte del bel canto e della buona musica. Ma “…si può dare di più…” è il nostro augurio!

Il Campetto è stato teatro di vari incontri di calcio; si sono svolti i rituali tornei di calcio di buon livello atletico e, come al solito, di troppo intenso livello agonistico…

Il Torneo dei Rioni è quello che ci sta più a cuore, vedendo contrapposti amichevolmente i nostri ragazzi, e quest’anno è stato particolarmente commovente essendo intitolato alla memoria sempre viva del Nostro amico Andrea.
Non dimentichiamo, però, gli altri sports che sono stati praticati: il Torneo di Pallavolo (…albero, si ripete…), di tennis, intitolato alla memoria di Stefano, sports che vedono ingrossare le file dei praticanti, anche del gentil sesso.

Le Rusciadi sono, si sa, una piacevole tradizione dell’estate rusciara, avendo raggiunto la XX edizione.

Quasi nessuno può dire di non avervi partecipato, prima, e averle organizzate, poi. Agli organizzatori vanno tutti i nostri complimenti e lo sprone per il futuro.
Lo sforzo organizzativo di “Ruscio senza frontiere” è stato ben ripagato dal successo della II edizione. I giochi, tutti divertentissimi, i costumi, l’ambientazione, hanno rallegrato il pomeriggio della Festa.

Ciò che più ci rallegra è il fatto di vedere allargata la partecipazione all’organizzazione di manifestazioni simili; lo spirito è, senza dubbio, quello giusto. Continuiamo così!

Lo staff de “La Barrozza”, sempre aperto a qualsiasi contributo, ha indetto un piccolo concorso …”grafico”.

Consiste nell’ideazione di un “logo”, di un marchio, per la Pro Ruscio, da apporre sulla carta intestata e sui documenti ufficiali.
Altri volenterosi, invece, stanno ridisegnando la disposizione dei giochi, delle panchine dei “Giardinetti” di Ruscio di Sopra, per renderli più funzionali e più accoglienti. Aspettiamo fiduciosi le vostre proposte e idee!

 
< Prec.   Pros. >