IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Segnalibro E-mail
La Barrozza - Estate 2008 - anno XVII n. 2
Scritto da Felicita Pessolano e Reds   

In questo numero segnaliamo:

Per la letteratura:

Sam Savage - Firmino – avventure di un parassita metropolitano – Einaudi Stile libero. logo_segnalibro
È una storia breve, quella del roditore Firmino, che si legge voracemente, sulle orme delle peripezie del protagonista, personaggio dalla forte vena malinconica e narratore in prima persona: la sua figura dimessa e spesso emarginata, solitaria ma ostinata e cosciente di sé, è stata assurta ad emblema di quella del lettore moderno; Firmino nasce tra i libri, se ne ciba, fisicamente prima e spiritualmente poi, ed accumula dentro di sé una profondità, una sensibilità e un’autoironia invidiabili. La prosa è divertente ed elaborata, arricchita qua e là da citazioni colte che si mescolano perfettamente ai toni a tratti amari e quasi neri  del racconto

Paolo Giordano – La solitudine dei numeri primi – Mondadori.
I due protagonisti di questo romanzo, Alice e Mattia, sono figure inconsuete rispetto al solito panorama letterario: si tratta di personaggi dolenti, segnati sin da bambini da un approccio alla vita duro e scostante, sofferentemente distanti dai coetanei, e forse per questo vicini tra loro. Incontratisi adolescenti, le loro esistenze saranno perennemente legate da un filo sottile, eppure, come i cosiddetti numeri primi gemelli, non potranno mai realmente toccarsi. Caratterizzato da una prosa secca e diretta, il romanzo non dà adito a fronzoli o sentimentalismi, ma scuote il lettore, esponendo una spietata realtà che però lascia sempre intravedere un rovescio fatto di tenera e tenace speranza.

Siddarth Shanghvi – L’ultima canzone –Garzanti.
 Saga familiare, nell’India del XX secolo, che si snoda fra la magia del passato e la frenesia del nuovo, del moderno. Un libro di rara sensibilità e poetica di una nuova voce letteraria nel panorama indiano contemporaneo.
William Dalrymple – Dalla montagna Sacra – Bur Saggistica.
Bellissimo libro che ripercorre, oggi, il viaggio intrapreso nel 578 d.C. dal monaco Giovanni Mosco e dal suo allievo Sofronio il Sofista, viaggio nella cristianità d'oriente, quella più antica. Partendo dal Monte Athos , attraverso Turchia, Siria, Israele ed Egitto l’autore ci porta a conoscere i luoghi più intimamente legati alla tradizione monastica bizantina cercando di capire i problemi socio-religiosi di questi paesi oggi. Da leggere d'un fiato.

Robert Walzer – La passeggiata – Adelphi .
Una piccola perla. Questo racconto è un'allegoria della vita intesa come perpetuo vagabondaggio, con le sue tristezze e i suoi entusiasmi, capace di percepire la meraviglia anche nelle cose più piccole e marginali, nonostante le avversità di cui ogni esistenza è costellata. Un invito a non perdere la capacità di stupirsi di fronte alla varietà del mondo, a sentirsene profondamente parte. Lo stile è ironico, talvolta al limite del visionario, sempre ricercatissimo .

Per i ragazzi:

Paola Zannoner – Il vento di Santiago – Mondadori Junior.
Il romanzo è ambientato nella capitale cilena, ai giorni nostri. I quattro ragazzi protagonisti conducono una vita normale, divisa tra scuola e divertimento, ma un giorno un incontro giunge a turbare tanta apparente tranquillità: con una prosa fresca e serrata, l’autrice porta a ripercorrere i tragici eventi legati alla dittatura di Pinochet, evidenziando il pressante bisogno di verità da parte dei giovani protagonisti, portati però a scontrarsi duramente con una realtà che invece fa di tutto pur di rimuovere e dimenticare quelle migliaia di persone scomparse, prive di identità, per le quali l’unico modo di essere riscattate è il mezzo della memoria.

 Si rinnova l’invito a far pervenire ai curatori di questa rubrica, all’indirizzo e-mail Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo , suggerimenti e segnalazioni sulle opere lette, in modo da poter offrire un quadro sempre più esauriente dell’aspetto culturale dei nostri tempi.

----------------------

INDOVINA L’INCIPIT

La miglior cosa sarebbe scrivere gli avvenimenti giorno per giorno. Tenere un diario per vederci chiaro. Non lasciar sfuggire le sfumature, i piccoli fatti anche se non sembrano avere alcuna importanza, e soprattutto classificarli.

 L’incipit dello scorso numero è tratto da “La Storia”, di Elsa Morante.

----------------------

EX ABRUPTO
cioè i cinque libri più amati dai nostri soci
In questo numero risponde  Paola Salamandra

Cent’anni di solitudine – Gabriel Garcia Marquez
La casa degli spiriti – Isabel Allende
Incontro con menti straordinari – Piergiorgio Odifreddi
La leggenda dei monti naviganti – Paolo Rumiz
Lo spirituale nell’arte - Wassily di Kandinsky

 
< Prec.