Home arrow La Miniera di Ruscio arrow La Lignite a Ruscio

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2015
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
La Lignite a Ruscio E-mail
SCN - La miniera
Scritto da Paolo Petrini   


Come già detto in precedenza la lignite si forma grazie alla presenza di materiale organico in rocce intercostali.

La materia organica presente nelle rocce sedimentarie è funzione della quantità immessa originariamente nel sedimento e dei successivi processi diagenetici.
Infatti la maggior parte si decompone e, in presenza di ossigeno, tale decomposizione avviene prevalentemente in condizioni subaeree, ma anche in molti ambienti subacquei.
Dove invece c'è deficienza di ossigeno, la decomposizione risulta incompleta e si possono formare composti organici stabili che rimangono così inclusi permanentemente nella roccia.

La materia organica si presenta quindi meglio nei cosiddetti ambienti anossici, quali possono essere stagni, paludi, bacini marini ristretti o comunque in tutte quelle situazioni ambientali in cui per una qualsiasi ragione si instaurano, fin dalla prima diagenesi, condizioni anaerobiche.
Questo è il nostro caso, questo è il caso di Ruscio, o meglio, questo è il caso della vallata che attualmente ospita Ruscio.
Dimenticando l'orografia attuale ci troviamo davanti a dei veri e propri bracci di mare, contornati e abbracciati, da montagne nella cui sommità presentavono copiose specie di flora differente tra loro e tra quella presente attualmente.
Facendo il loro corso naturale, questa vegetazione, morendo, si facevano adagiare dalle acque, appunto in ambiente anaerobico, dando così inizio ai processi diagenetici o di trasformazione.

Dando un rapido sguardo alle cartina noi possiamo vedere delle zone pigmentate in bianco, che stanno a segnalare, recenti alluvioni e quindi permanenza in loco prolungata di acqua;
li la nostra “ei fu” vegetazione ha avuto un periodo rivoluzionario più lungo e soddisfacente cosi da completare fino in fondo la trasformazione.

Ruscio fu un loco idoneo e ideale per la formazione di lignite, e soltanto il fatto che la presenza dell'acqua sia stata relativamente breve, non ha permesso ai giacimenti di espandersi e ingrandirsi.

 
< Prec.   Pros. >