Home arrow La Barrozza arrow Estate 2007 - anno XVI n. 2 arrow Gustosando: Assaggiato per voi: Il Trebbiano dell’Umbria (Terre de Trinci)

IN EVIDENZA

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Gustosando: Assaggiato per voi: Il Trebbiano dell’Umbria (Terre de Trinci) E-mail
La Barrozza - Estate 2007 - anno XVI n. 2
Scritto da Alberto Perelli   

Qualche estate fa ci siamo ritrovati, cari amici di Ruscio, a banchettare sotto le stelle con bruschetta e salsiccia insieme ad una degustazione di Sagrantino passito con coccolata fondente; vi ricordate? Credo che chi era presenta non si sia dimenticato una serata così bella! dei vini assaggiati porto oggi alla vostra attenzione uno dei produttori che negli ultimi anni è splendidamente venuto alla ribalta nel panorama enologico italiano, ed umbro in particolare: Terre de Trinci.

Girovagando su internet mi sono imbattuto sul loro sito ufficiale da dove ho appreso interessanti notizie.

L’azienda, con trecento ettari  di superficie coltivata è nelle nostre vicinanze e quindi facilmente visitabile per chi risiede in Ruscio e dintorni; Foligno è veramente vicino. L’azienda è stata la prima della zona denominata del Sagrantino ad essere certificata nell’ambito qualità UNI EN ISO 9002.

Il nome dell’azienda deriva da una antica famiglia, i Trinci appunto, che furono i signori di Foligno dal 1300 fino al 1500 circa. Il loro potere si manifestò tramite i titoli di Gonfalonieri di giustizia, Capitani di parte Guelfa e Vicari Pontifici. Durante il loro dominio edificarono vari castelli su una estesa fascia del territorio Umbro, diffusero le Arti e si proposero come una delle Signorie “al top” della nostra regione. Ancora oggi in Foligno è presente e famoso il Palazzo Trinci.

Per voi cari “Rusciari” ho personalmente assaggiato un vino molto interessante: il Trebbiano dell’Umbria I.G.T. 2004. Come i nostri nonni amavano dire …. Un vinello sincero, di facile beva. Talmente facile che ci si può facilmente prendere la mano: attenti a non alzare troppo il gomito. Da uve omonime, gusto secco, sentori al naso di mela e fiori di campo e bel colore giallo paglia;  l’ho abbinato ad una trota salmonata cotta al forno. Splendido, veramente. Mi raccomando però: bevetelo fresco non freddo, con la classica gocciolina lungo il bicchiere.  Del prezzo poi non stupitevi più di tanto; si trova intorno ai 5 euro. Non è detto che bisogna spendere tanto per bere bene. Alla prossima.

 
< Prec.   Pros. >