IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Prefazione
I Quaderni di Ruscio - Un'altra Ruscio, un'altra Monteleone di Spoleto
Scritto da Vittorio Ottaviani   

L’uomo ha sempre avuto nella sua storia un impulso irrefrenabile: cercare di migliorare le proprie condizioni di vita.

Questa spinta e’ stata per quasi un secolo alla base dei grandi movimenti migratori e ha indotto anche tanti nostri compaesani a partire verso il “grande sogno” americano, per realizzare quelle aspettative drammaticamente negate nell’Italia rurale ed industrialmente arretrata, come era quella della fine ‘800, inizi del ‘900.

Questa commovente ed incisiva monografia analizza, prima nei caratteri generali, e successivamente nelle figure degli abitanti di Ruscio e di Monteleone di Spoleto, la tragica odissea migratoria, soffermandosi sugli aspetti della traversata oceanica e dell’approdo su Ellis Island.

Una parola di sincera lode va al dr. Salvatore Paolini che ci ha permesso, grazie alla accurata e sicuramente difficile ricerca di consultazione dei registri di bordo e degli uffici ci immigrazione, di seguire le sorti degli emigranti.

E’ riuscito a farci immedesimare, immedesimandosi egli stesso, negli stati d’animo dei poveri compatrioti, nella dolorosa ed interminabile attesa, nelle umilianti visite mediche, nel disbrigo delle lunghe pratiche burocratiche dinanzi a funzionari dell’ufficio emigrazione.

Con questa monografia e’ nostra intenzione ricordare che il presente non costituisce un’entita’ separata, ma e’ il risultato di un lungo cammino che, in tempi e situazioni diverse, si e’ sviluppato seguendo le nostre tradizioni.

Questo lavoro vuole anche essere un manifesto teso a ribadire i sentimenti della civile tolleranza ed a ricordarci che esistono popoli meno fortunati del nostro.

Il Presidente
Vittorio Ottaviani

 
Pros. >