Home arrow La Barrozza arrow Natale 2000 - anno IX n.3 arrow La giuncata (l’antico yogurt)

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
La giuncata (l’antico yogurt) E-mail
La Barrozza - Natale 2000 - anno IX n.3
Scritto da Osvaldo Perelli   

 

In un casale del monteleonese ci è stato possibile assistere alla preparazione ed alla degustazione della “giuncata” che pochi ormai ricordano.

 

Ho ritenuto, opportuno riportare alla memoria questo umile prodotto, che fu importante nella alimentazione delle antiche famiglie contadine di Ruscio, prima che se ne perda del tutto la traccia.

Base essenziale: il latte di pecora che veniva messo nel callaro; quindi si prendeva il “quaglio”, formato da pezzi di stomaco di agnello, pulito, macinato e salato, che si poneva in una pezza di lino; quest’ultima con il contenuto la si immergeva in una scodella di acqua tiepida, quindi la si “stregava” (si torceva) e l’acqua sporca veniva immessa nel latte.

Si formava, poco dopo, una specie di yogurt, cioè la giuncata. Mescolando il latte con “lu misticu”, la giuncata si “squagliava” e sotto l’azione del fuoco acceso alla base del callaro, si formava il formaggio. Tolto quest’ultimo dal callaro e dopo averlo fatto scolare, si ravvivava la temperatura del fuoco e dal latte rimasto si otteneva la ricotta che veniva riposta nei cerchi, o conservata, salata dentro “lu cirmipu” (un sacchetto di lino a punta), che si “appiccava sulla stanga”.

Era usanza, durante le feste dell’Ascensione, portare la giuncata alle famiglie più povere del paese, che non possedevano il bestiame.

 
< Prec.   Pros. >