IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Alberi E-mail
La Barrozza - Natale 2000 - anno IX n.3
Scritto da Isidoro Peroni   

Chi pianta un albero non è vissuto invano

Avete notato che nel nostro comune sono stati di recente piantati da giovani e ragazze di Ruscio, Trivio e Monteleone della cooperativa “Verde Appennino”, qualche migliaio di virgulti di varie specie arboree?

La cosa più difficile, nonostante le buona volontà e comprensione delle molteplici autorità preposte, è stata districarsi tra la selva di regolamenti e scadenze, da quelle europee della CEE, che tramite la Regione ha finanziato l’impianto, a quelle regionali, forestali, archeologiche, ambientali, comunali, consorziali e così via.

A confronto, la realizzazione degli impianti, validamente portati a termine dalla cooperativa condotta da Rita Moretti e diretta dai valenti tecnici Carlo BELLEGGIA e Pietro STEFANETTI, è stata uno scherzo!! Comunque si può essere soddisfatti di essere riusciti a spendere a Monteleone qualche Euro, messo a disposizione del regolamento 2080 della Comunità Europea, per fare delle opere naturali, belli dal punto di vista paesaggistico ed ambientale e ci auguriamo, durature.

Una piantagione di ciliegio da legno (prunus avium) è stata realizzata nella ridente Valle Sant’Angelo: tra qualche decina di anni, noi, o i nostri figli, ammireremo un bel bosco di alto fusto.

Nel terreno scosceso, sotto l’antica chiesetta della Madonna della “Serqua”, a ridosso delle mura medioevali, sono stati invece piantati, come, è sembrato appropriato, quercie e cerri (quercus pubescens e quercus cerris, in parte micorizzate con spore di tartufo nero) provenienti dai vivai della Valnerina.   

 
< Prec.   Pros. >