Home arrow La Barrozza arrow Natale 2000 - anno IX n.3 arrow Le miniere di ferro e le ferriere di Ruscio nelle piante del 1700

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2015
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Le miniere di ferro e le ferriere di Ruscio nelle piante del 1700 E-mail
La Barrozza - Natale 2000 - anno IX n.3
Scritto da Isidoro Peroni   

Su concessione, in data 26 maggio 2003, del Ministero dei Beni e le Attività culturali (riferimento concessione n° 15 /99 dell'Archivio di Stato di Roma - Palazzo della Sapienza, Corso Rinascimento 40, 00186 Roma - ) che, su richiesta della Pro Ruscio, ne ha autorizzato la pubblicazione sul sito Internet dell'associazione, si mostrano le seguenti riproduzioni del nostro territorio alla fine del 1700:

1. Monteleone e Ruscio; particolare della pianta panoramica a firma G.B. Turcotti Architetto di S.R.M. Sarda.

 foto_ferriere_Monteleone e Ruscio- G.B. Turcotti

2. . Le cave nuove di Corniolo e Reccia; particolare della pianta panoramica a firma G.B. Turcotti Architetto di S.R.M. Sarda.

 le cave nuove di Cornuvolo e Reccia

3. . Particolare della pianta panoramica con la zona del Forno. In A è l'edificio nuovo del forno, in B i ruderi di un impianto dimesso, in C il foro nella montagna lungo la strada per Cascia ed in D il ponte delle ferriere.

 ferriere_particolare pianta panoramica con la zona del forno

4. . Pianta generale. Tratta dal disegno J del progetto originario firmato da Gian Gualberto Gnema Ing. e Mineralogico.

pianta generale-da G.G. Gnema

5. . Pianta generale e sezione con il profilo delle acque. Particolare del disegno "sulle acque" del marzo 1793.

pianta gen. e sez. con il profilo delle acque  1793

6. La parata sul fiume Corno al ponte delle ferriere. Particolare del disegno "sulle acque del marzo 1793.

ferriere_la parata sul fiume Corno al ponte delle ferriere

7. Il canicchio in vista frontale ed in sezione nel disegno di progetto originario a firma Gnema.

il canicchio nel disegno a firma di Gnema

8. Le cave di terrargo: particolare della pianta panoramica a firma G.B. Turcotti Architetto di S.R.M. Sarda.

ferriere_le cave di Terrargo G.B. Turcotti

L'Archivio di Stato di Roma conserva la documentazione originale in "Congregazione del Buon Governo, serie II; Busta 2604 - Monteleone Ferriere Tomo I (1786-1793)", tra cui i disegni di progetto e le mappe del territorio eseguiti dall'Ingegnere mineralogico Sabaudio Gian Gualberto Gnema (nato a Varallo in Piemonte nel 1733 e morto a Monteleone nel 1801) in collaborazione con l'Architetto Giambattista Turcotti, incaricati, dal cardinale Carandini, prefetto della Sacra Congregazione del Buon Governo, del progetto e della direzione per la riattivazione delle miniere e dei forni delle ferriere di Monteleone.

Le foto delle riproduzioni sono state eseguite dal Prof. Mauro Cavallini, ordinario di Siderurgia presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università La Sapienza di Roma, che le ha già pubblicate sul suo saggio dal titolo "L'Impresa di Monteleone" e ne ha cortesemente autorizzato la inserzione sul sito.

Vengono inoltre mostrati collage parziali delle foto della mappa del territorio e ci si ripromette in seguito di poter mostrare una riproduzione dell'intero territorio.

ferriere_Ruscio 1790

Ruscio ferriere 1790

Si invita a notare i " Casali di Ruggio" separati dal torrente "Le Vene" cioè Il Fossato .

Si avverte espressamente, come richiesto, del divieto di ulteriore pubblicazione.

 
< Prec.   Pros. >