IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
La sai l'ultima? E-mail
La Barrozza - Pasqua 2001 - anno X n. 1
Scritto da Osvaldo Perelli   

Un tifoso interista di Foligno aveva deciso di andare a Milano ad assistere al derby.
Cappello e sciarpa nero-azzurra era giunto allo stadio Meazza, dove aveva preso posto nella tribuna dei VIP meneghini.

Ad un certo punto della partita il tifoso interista di Foligno si alza ed inveendo verso l’arbitro comincia a gridare: “ Arbitru, lu fallu!!”.

Immediatamente un VIP milanese lo riprende: “Ehi, terrun, non si dice lu fallu ma il fallo!!”.

Prosegue la partita e di nuovo il tifoso interista di Foligno s’alza gridando: “Arbitru, lu rigore, lu rigore!!”. All’istante viene ripreso di nuovo dal VIP milanese che con accento più marcato lo rimprovera: “Testun, non si dice lu rigore, ma il rigore!!”.
Va bene, bofonchia il tifoso interista fulignate. Ad un momento del secondo tempo lo stadio esplode; il tifoso interista di Foligno, bandiera in mano, corre impazzito di gioia, per tutta la tribuna gridando “Lu gol, lu gol!!”, ma passando davanti al VIP milanese viene da questi fermato ed apostrofato: “Ve testun, non si dice lu gol ma il gol, capitolo!!”.

“E va be, sai l’emozione!”, risponde il tifoso con voce sommessa.

Finita la partita il VIP milanese scorge il tifoso interista di Foligno intento a ripiegare la bandiera e andandogli incontro gli dice “Ehi, testun, qua la mano, in fondo sei un simpaticone”. Come ti chiami??”.
“Il Ciano”, risponde secco il tifoso interista di Foligno.
“Il Ciano? E che cavolo di nome è il Ciano!!”.
“Eh se ti dicevo Luciano, tu te incazzavi!!”.

Osvaldo PERELLI

 
< Prec.   Pros. >