IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Un nuovo orologio E-mail
La Barrozza - Pasqua 2001 - anno X n. 1
Scritto da La Redazione   

Per anni gli abitanti di Ruscio hanno assistito ai lunghi lavori di restauro della Chiesa dell’Addolorata e tutta la comunità ha plaudito il definitivo ritorno al culto della parrocchia del paese. Tuttavia sulla sommità del campanile rimaneva un buco essendo oramai andato distrutto il vecchio orologio che da sempre scandiva il passare delle ore.

Oggi finalmente anche quest’ultimo tassello mancante è stato sistemato.

Dando concretezza ad un ultimo desiderio  espresso da Maria Marcheggiani prima di morire ed utilizzando una piccola somma che la stessa aveva lasciato a disposizione, Rita, Mariolina e Fabrizio hanno acquistato e messo a dimora un nuovo orologio.

Tutti noi conoscevamo la devozione e l’attaccamento di Maria alla Chiesa dell’Addolorata. Ancora oggi ci sembra di vederla al secondo banco della fila di sinistra intonare canti, recitare rosari o litanie latine con una sincera e profonda fede, che sicuramente molti di noi abbiamo invidiato nei momenti di maggior sconforto e di dubbio. Anche alla fine dei suoi giorni il pensiero di Maria era sempre rivolto alla  chiesa di cui aveva avuto cura per lungo tempo con una dedizione filiale ed alla quale voleva lasciare qualcosa.

Ora anche quest’ultimo desiderio è stato esaudito.

 
< Prec.   Pros. >