Home arrow La Barrozza arrow Pasqua 2001 - anno X n. 1 arrow L'angolo della poesia: Il Campanile

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
L'angolo della poesia: Il Campanile E-mail
La Barrozza - Pasqua 2001 - anno X n. 1
Scritto da Nicola Marchetti   

IL CAMPANILE
(per l’inaugurazione del nuovo campanile dell’Addolorata - 17 settembre 1950)

Un anno ormai è passato e da quel giorno
Che fu solennemente inaugurata
La Parrocchia alla Madre Addolorata,
oggi alla stessa Festa ci ritorno
senza badare ad affrontare spese
per vivere l’armonia del mio paese.

E da quel giorno il Parrocco ha pensato
Cha alla chiesa mancava il Campanile.
Ha smosso a tutti l’animo gentile
Che fosse con le offerte fabbricato.
Noi rispondemmo al suo cortese invito.
Eccolo! Spicca bello e costruito.

E’ un monumento bello, e un’armonia;
si vanta Ruscio della bella mole,
esso che sfida le tempeste e il sole
Con la parola grande l’AVE MARIA
nome più bello che non ha confronto,
stella benigna, splendida del mondo.

Ci svegliano i rintocchi la mattina
e ci annunciano l’ora del lavoro,
della preghiera e quella del ristoro;
come la vita nostra si trascina,
così ogni sera, dopo aver cenato,
ci annuncia che il giorno è tramontato.

Con il dolce din don delle campane
il tic e toc pur dell’orologio
Ruscio, ti puoi vantar di tanto sfoggio
e consegnarlo all’epoche lontane
con tutta l’armonia che ti dà vanto
quale Dono più bello dell’Anno Santo.

E’ per te, Madre nostra, costruito,
nostro compenso quali debitori;
allieta i nostri spasmi e dolori
col tuo benigno Cuore, all’infinito
Bene del mondo, Madre del dolore,
converti i nostri spasimi in Amore.

Con quella dolce musica divina
che tutta la vallata ne rintuona
il suono che dal bronzo si sprigiona
fuso che forma il corpo di Antonina
è raccolto da monti e da foreste
il bronzìo di sua musica celeste

Tanti sono i rintocchi e appena, appena,
raccoglie il suono il più perverso udito,
come uccelletti ritoniamo al nido.
E’ la mamma che chiama a voce piena:
“Ritornate da Me, figlioli belli,
sappiatevi amar come fratelli!”.

Nicola MARCHETTI


 

 
< Prec.   Pros. >