Home arrow Da visitare arrow L’UNPLI Umbria perde il suo Vice Presidente Vicario

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
L’UNPLI Umbria perde il suo Vice Presidente Vicario PDF Stampa E-mail
La Barrozza - Natale 2020 - anno XXIX n. 3
Scritto da Vittorio Ottaviani   

thumb_logo ruscio.jpg

Carissimi Soci, mi corre l’obbligo di comunicarvi che il nostro Presidente a.h. Renato Peroni ha rassegnato le proprie dimissioni da Vice Presidente Vicario del Comitato Regionale UNPLI Umbria, mantenendo la carica di Consigliere regionale dell'Unpli Umbria, nel rispetto delle pro loco umbre che lo hanno votato, per continuare a portare avanti le loro istanze presso la Regione dell'Umbria e far emergere l'importanza del volontariato delle pro loco umbre nella valorizzazione del territorio in cui operano."

Le motivazioni di tale gesto, riportate in una sentita lettera da parte di Renato, indirizzata ai vertici dell’UNPLI Umbria e anche a noi Consiglieri della Pro Ruscio, sono riconducibili alla gestione dell’UNPLI Nazionale, evidenziatesi nel corso dell’assemblea nazionale delle pro loco per il rinnovo delle cariche sociali nazionali: impossibilità per i delegati regionali di esprimere il proprio pensiero e proporre un fattivo e concreto confronto di idee, inserimento di clausole volte a impedire la nomina a cariche nazionali a persone di età superiore a 70 anni, venir meno di quello spirito di sincera condivisione di intenti verso l’unico obiettivo di rappresentare al Paese la bella, bellissima realtà delle pro loco, mancanza di trasparenza nella gestione e nella visione strategica del movimento.

L'acqua della Fonte dell'Asola sgorga dall'antico lavatoio di Ruscio 

 

Tali dimissioni rappresentano “Un passo doloroso se ripenso al clima di entusiamo generale iniziale che mi aveva coinvolto, partecipando alla sua diffusione nella nostra Regione, fin dalla sua costituzione, il che mi ha consentito di incontrare tante persone generose ed eccezionali, (valgano per tutti Francesco Dattini e Pasquale Carletti) ed è forse questo l’unico vero grande dono che ho ricevuto dall’Unpli., scrive l’amico Renato, che conclude dichiarando un rinnovato impegno verso la piccola nostra pro loco per “riappropriarmi di quella mia idea di volontariato che ha in me radici e origini ben diverse da quelle propugnate dall’UNPLI Nazionale”.

E poco oltre: “Sono e resto con orgoglio Presidente onorario della mia piccola Pro loco di Ruscio verso la quale intendo continuare a dare il mio contributo mettendo a disposizione le mie capacità e la mia esperienza.”

La reazione che piu’ mi ha colpito nell’apprendere tale notizia, e’ stata quella del Consigliere Giorgio Di Domenico: “Renato, avere esperienza e non poterla trasmettere e’ situazione difficile da gestire che genera sensazioni spiacevoli… vorrà dire che ti avremo tutto per noi!”

E’ davvero un peccato per l’UNPLI non voler annoverare nella propria dirigenza il nostro Renato, ricco di esperienza nel mondo del volontariato delle pro loco!

Il Presidente Vittorio Ottaviani


 
< Prec.   Pros. >