Home arrow Archivio News arrow Novita' dalla Diocesi di Porto-Santa Rufina

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Novita' dalla Diocesi di Porto-Santa Rufina PDF Stampa E-mail
Novita' da Ruscio - News
lunedì 11 novembre 2019
Monsignor Gino Reali primo firmatario dell’accordo tra l’Asl Roma 1 e le Diocesi per il progetto ‘infermiere di parrocchia’



 
E’  di questi giorni la firma del primo accordo operativo tra l'Asl Roma 1 e la Diocesi di Porto-Santa Rufina, accordo che porterà infermieri della Asl a lavorare nella parrocchia di Selva Candida, popoloso quartiere appena fuori dal GRA.

“Sono molto contento dell’accordo sottoscritto con la ASL Roma 1 – dichiara mons. Gino Reali, vescovo di Porto-Santa Rufina - e ringrazio per l’impegno Michele Sardella, responsabile diocesano della Pastorale della salute, e i suoi collaboratori. È un bell’esempio di collaborazione per sostenere le persone in difficoltà nell’accesso ai servizi sanitari. In un territorio di periferia come Selva Candida la povertà di strutture e di mezzi incide sulla qualità della vita, per cui volentieri abbiamo messo a disposizione del progetto spazi e volontari della parrocchia di questo popoloso quartiere di Roma”.

Dopo la firma, fa sapere Monsignor Gino Reali, si darà avvio alla formazione congiunta dei referenti parrocchiali e degli operatori della Asl che collaboreranno nella Parrocchia di Selva Candida.

La firma rappresenta l’attuazione operativa dell’accordo  firmato a luglio tra la Cei (Conferenza episcopale italiana) e l'Asl Roma 1  che vede il riconoscimento di una nuova figura professionale, l’infermiere ‘di parrocchia’.
Il progetto pilota per ora interesserà le diocesi di Roma, Alba e Tricarico  ma si estenderà successivamente a livello nazionale.

Questa nuova figura professionale farà da raccordo accorciando le distanze fra il mondo della comunità parrocchiale e quello del Servizio sanitario nazionale.

Con l’aiuto di un referente coordinatore parrocchiale, l’infermiere di parrocchia riuscirà ad intercettare i pazienti più deboli ed emarginati, per varie ragioni non facilmente raggiunti dalla Sanità pubblica e si incaricherà di attivare i servizi necessari

 
FONTE: Roma Daily News 06/11/2019
 
 
< Prec.   Pros. >