Home arrow La Barrozza arrow Natale 2018 - anno XXVII n.3 arrow Un incontro inatteso il giorno della festa

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Un incontro inatteso il giorno della festa PDF Stampa E-mail
La Barrozza - Natale 2018 - anno XXVII n.3
Scritto da Marco Ventura   


Nel giorno della festa della Madonna Addolorata, nel pieno de festeggiamenti di questo 2018, si sono affacciati al nostro “asilo” degli insoliti pellegrini che percorrevano il cammino di San Benedetto. Si è trattato di un gruppo di religiosi provenienti dalla Germania, composto da alcune religiose e religiosi, tra cui un vescovo tedesco. Fin qui l’orgoglio per la nostra piccola comunità di accogliere persone provenienti da una terra così lontana, che avendo letto la guida cercavano il nostro timbro.

 

 

   

Ma la cosa più sorprendente è che l’incontro è avvenuto proprio mentre nell’asilo si esponevano i cimeli e la ricostruzione della prima guerra mondiale. In questa giornata della memoria abbiamo avuto il privilegio di offrire un piccolo rinfresco ai visitatori, con dolci, pizzette e bevande che proprio in quel momento stavamo servendo sul tavolo davanti al barbecue.

Si può ripensare a quella visita come una casualità  qualsiasi, oppure ci si può leggere qualcosa di più, qualcosa di significativo, se la avessimo concordata non sarebbe riuscita così bene. Durante la prima guerra mondiale Italia e Germania si trovavano su due fronti diversi, ciascuno infliggendo milioni di morti all’altro, ciascuno uccidendo i figli dell’altro popolo. Anche per questo, e per lasciare un segno tangibile di fratellanza e amicizia tra popoli, il presidente Vittorio ha voluto omaggiare gli ospiti con una stampa che riporta la storia della nostra associazione.

 

 

I Pellegrini a Ruscio (foto Angelo Perleonardi) 

 

Apparentemente poca cosa (i tedeschi non leggeranno mai una riga del nostro libro scritto in italiano), ma sono certo che hanno capito benissimo e apprezzato che in quel gesto c’eravamo noi, pronti ad accoglierli con quanto di più caro avevamo a disposizione.



 
< Prec.   Pros. >