Home arrow La Barrozza arrow Estate 2018 - anno XXVII n.2 arrow Quando nasce la poesia… anche in guerra

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2015
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Quando nasce la poesia… anche in guerra PDF Stampa E-mail
La Barrozza - Estate 2018 - anno XXVII n.2
Scritto da Valeria Reali   


“La mia vita militare, 1915 – 1919” di Federico Vannozzi

Verrà presentato nella settimana di Ferragosto a Ruscio il diario di guerra di Federico Vannozzi (Ruscio, 17/03/1895 – 12/07/1973).

Il recupero del suo manoscritto rappresenta, a nostro avviso, il giusto epilogo del progetto dell’Associazione Pro Ruscio avviato nel 2015 per la commemorazione del I centenario dalla prima guerra mondiale, progetto che ha portato alla raccolta e divulgazione di documenti, fotografie, lettere dei nostri soldati al fronte.

 

 

La copertina del XII Quaderno di Ruscio (composizione grafica Valentina Marino) 

   

La sua pubblicazione vuole essere un nostro omaggio a quanti hanno sofferto la condizione bellica per tutti noi e non sono riusciti a fare ritorno.
“Ciò che lo rende raro nella casistica dei racconti di guerra è la scelta dell’ottava rima come canone narrativo e lui stesso, nelle pagine introduttive, ci spiega il motivo della sua scelta”(1): «Nel mio paese nativo Monteleone di Spoleto come pure in altri paesi circostanti c’era ancora molto in voga il canto dell’ottava rima tanto è vero che nelle celebrazioni matrimoniali si invitavano i poetastri a rallegrare tutto il parentato riunitosi nei sontuosi pranzi o banghetti. Non essendovi questa (chiamiamola così) gara poetica sarebbe mancato il meglio in queste circostanze. Così io molto appassionato di questo canto voli scrivere la mia vita militare».

Seppur ostica al primo impatto, soprattutto per chi non avvezzo a questo genere compositivo, la lettura saprà regalare una visione di quegli accadimenti storici che nessun testo storiografico è in grado di dare e sicuramente avvicinerà il lettore a tutti quei poveri ragazzi al fronte.


 —————————————————
(1) cit. dalla prefazione al Volume di D.R. Nardelli

 

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CORNACA DELLA PRESENTAZIONE DEL QUADERNO 

 
< Prec.   Pros. >