Home arrow Ruscio Solidale

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2015
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
I personaggi e i mestieri alla Fiera di san Felice a Monteleone. PDF Stampa E-mail
La Barrozza - Estate 2017 - anno XXVI n.2
Scritto da Gianfranco Flammini   

Molti di essi non ci sono più, ma hanno lasciato un segno nella storia di questo borgo. Tenete conto il contesto di questa Fiera, che era prima di tutto una vetrina per il bestiame.. Ogni paese, ogni frazione custodiva, cresceva, si sviluppava intorno agli animali: la vera economia era il mondo della pastorizia, dell’agricoltura, del legnatico, del carbone…

 

 Personaggi di Monteleone (foto Arch. Angelo Perleonardi)

Trippetta sollevava il labbro dell’animale, dava un rapido sguardo alla dentatura, emetteva il verdetto, formulandone il prezzo, qualche volta cercando di favorire l’acquirente, a volte colui che vendeva. La sua parola era sacra, non passibile di contestazione. Ad essi dobbiamo aggiungere altri personaggi come Salamandra Paolo, tarchiatello, rosciotto, amministratore dei tanti beni dei Peroni, Ottavio Carmignani, con la sua bottega di generi alimentari al termine del corso, posto all’angolo. Fu anche sindaco.

I Carmignani con Gigetto, i Tedeschi Mario con il suo mobilificio a Ruscio, i fratelli Vannozzi con un altro mobilificio, concorrenziale, e Vannozzi Duilio, anche lui con un esercizio commerciale lungo il Corso. Di questo signore si conserva ancora il libretto dei conti! Che succedeva? Molte famiglie durante il lungo periodo invernale avevano gli uomini nelle Maremme dietro a pecore e capre e le donne, che rimanevano, acquistavano quanto era necessario per la famiglia, e, non avendo disponibilità di moneta liquida, facevano segnare sul quaderno. Al ritorno dei mariti o dei figli venivano tirate le somme e si saldava il conto…quando andava tutto bene! Ma c’erano anche famiglie che si contraddistinguevano per la prolificità come i Rosati, i Reali…

Famiglie numerose, con una grande forza in casa: i figli! Molte le attività, ora in fase calante…come i mulari per riportare la legna, muratori, i fabbro-ferrai, i maniscalchi, carbonai…. La Banda di Monteleone, che rallegrava le feste di paese..Cognomi importanti che si sono fatti strada fuori, nella capitale come i Romano, i Ciampini, e non si può trascurare la grande comunità di Monteleonesi a Trenton…

Naturalmente ho dimenticato più di qualcuno, come gli Angelini, come i Bella, non essendo di Monteleone…Sarei contento, se qualcuno leggendo questo testo, lo completasse con un proprio apporto. Come pure mi piacerebbe sapere, perché i Pogghiani definivano i Monteleonesi… Cucchi! 

Termino ricordando quando con noi venne alla Fiera di san Felice, Mafaldina, una bambina, semplice, buona con le sue treccette, avevamo sì e no dodici-tredici anni… In mezzo a tanti animali, vide un asino  e corse dal papà per dirgli meravigliata…”Papà, ho visto un asino con cinque gambe!”. Tutti scoppiammo a ridere e il papà la prese da parte e con garbo cercò di spiegarle che quello centrale non era una gamba  ”…ma l’ organo di riproduzione dell’animale, particolarmente pronunciato…..

 
< Prec.   Pros. >