IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
L'angolo della paesia E-mail
La Barrozza - Pasqua 2004 - anno XIII n. 1
Scritto da Mino D'Urso   

LA CASCATA DELLE MARMORE
Di Mino D’Urso

Da candide cime lucenti,
tra boschi e prati ridenti,
quando giunge primavera,
impetuoso scende il Nera
e, più a valle, lì vicino,
scorre, placido, il Velino.

I due fiumi, innamorati,
furon sempre separati
e l’abbraccio era impedito
da un costone di granito.

Mossa un dì da compassione
per la tenera passione.
pose fine a quel tormento
d’una Ninfa il sentimento.

Con un magico prodigio
frantumò quel masso bigio
e le acque disperate,
dalla rupe liberate
si tuffarono felici
dalle ripide pendici.

Quando alfin l’acqua si posa,
come il velo d’una sposa
si solleva al sol lucente
una spuma iridescente.

Da una fiaba delicata
così è nata la cascata

 
< Prec.   Pros. >