Home arrow Archivio News arrow Finalmente, parte il recupero dell’antico lavatoio di Ruscio

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2015
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Finalmente, parte il recupero dell’antico lavatoio di Ruscio PDF Stampa E-mail
Novita' da Ruscio - News
giovedì 08 settembre 2016
Firmato l’Accordo di Programma con il Comune di Monteleone di Spoleto per lavori di recupero e risanamento conservativo del lavatoio di Ruscio.


In questi convulsi giorni post terremoto, finalmente una buona notizia. Ieri, 07/09/2016, il Dott. Angelo Vincenzo Grasso, segretario del Comune di Monteleone di Spoleto, e il Presidente Vittorio Ottaviani hanno firmato l’Accordo di Programma per lavori di recupero e risanamento conservativo del lavatoio di Ruscio.

La questione della conservazione del lavatoio era gia’ stata affrontata dalla Pro Ruscio in alcune Assemblee e anche con interpelli al Sindaco. Anzi, sul sito ad un nostro allarmato messaggio del 22 luglio 2012 (“Addio alla Fontana del Lavatoio?”), il Sindaco Marisa Angelini rispondeva sollecita non solo con una smentita (“Nessun pericolo per la Fonte del Lavatoio”), ma anzi con la promessa di un impegno personale al suo recupero.

 

Il lavatoio (foto archivio Pro Ruscio 2012) 

“La firma di questo atto, che rende disponibile alla Pro Ruscio la somma necessaria al restauro del lavatoio – afferma il Presidente Ottaviani – risulta particolarmente importante per due motivi.

Per primo, ovviamente, la restituzione, finalmente, di un bene pubblico, che riveste anche valenza storica, alla collettivita’ di Ruscio. Senza il finanziamento da parte del Comune dei lavori di restauro, il lavatoio, gia’ recintato per motivi di sicurezza legati all’instabilita dell’immobile, sarebbe crollato, perdendo per sempre un pezzo della memoria di Ruscio.

Il secondo motivo – continua il Presidente – e’ la modalita’ con la quale si effettuano tali lavori. Il Comune affida, finanziando in toto, sia la progettazione che la realizzazione dell’intervento conservativo ad una associazione privata quale la pro loco, considerando la concomitanza degli obiettivi dei due enti. E, permettetemi di affermare con particolare orgoglio, considerata anche la “solidita’” e affidabilita’ che la nostra Associazione ha dimostrato nel corso dei suoi quasi cinquanta anni di storia a favore di Ruscio e dei suoi abitanti”.

Il Consiglio Direttivo, che con delibera del 19 agosto 2016, ha dato mandato al Presidente Vittorio Ottaviani di aderire a tale accordo di programma, ha espresso gratitudine al Sindaco Marisa Angelini per la fiducia riposta nella Associazione Pro Ruscio. Una nuova sfida per la nostra Associazione!

I lavori, la cui fine e’ prevista entro la fine dell’anno, ci restituiranno un manufatto donato alla comunita’ di Ruscio da Giuseppe Marcheggiani, nei primi anni 50 del secolo scorso, per rendere meno pesante il lavoro delle donne costrette, prima, per lavare i panni a recarsi al Fossato.

Si trattava, per allora, di un notevole miglioramento delle condizioni di lavoro, in quanto, il nuovo lavatoio, dotato di grandi vasche per il lavaggio dei panni, era coperto e situato in un luogo facilmente raggiungibile dalle donne. Inoltre, all’esterno era dotato di due “trocchi” per l’abbeverata degli animali e di una fontanella.

Lo sviluppo economico e sociale ha reso obsoleto tale manufatto, ma per nulla inutile: rappresenta una testimonianza importante della nostra storia economica recente, oltre che un gesto di grande generosita’ di un nostro concittadino, cui la comunita’ di Ruscio deve grande riconoscenza.

Oltre che preservare un monumento della piccola stria rusciara, la Pro Ruscio ha intenzione di utilizzarlo anche quale “contenitore” di reperti e strumenti della vita contadina di un tempo. Un invito, quindi, a chi volesse prestare o donare materiale legato alla vita contadina di Ruscio: strumenti, oggetti, piccoli macchinari. Tale materiale sara’ esposto all’interno della struttura restaurata e reso visibile attraverso le aperture delle finestre e della porta di accesso dotata di nuova cancellata.

 
< Prec.   Pros. >