Home arrow Archivio News arrow Ricordo di Renato Peroni

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2015
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Ricordo di Renato Peroni PDF Stampa E-mail
Novita' da Ruscio - News
lunedì 29 agosto 2016
Ricordo di un rusciaro.

Il 3 Agosto u.s. ci ha lasciato Renato Peroni. Renato, fra i più anziani della famiglia Peroni, era nato a Roma nel 1922 da Pietro figlio di Benedetto e nipote di Pietro “Sillani” e da Leontina Crescentini.

Renato è stato fra i primi laureati figlio di carbonari Rusciani trasferiti dalla casa di Ruscio in piazza Garibaldi alla casa con negozio accanto nel cuore di Roma in via degli Artisti 23, dove ha abitato con i fratelli Luigi, Italo e la sorella Lucia (CLICCA QUI).

Renato, laureato in Ingegneria Meccanica ha lavorato per anni al Ministero dei Trasporti e ha sposato nel 1957 Vanna da cui ha avuto Antonella, mamma di Cristina e Beatrice, e Roberto, papà di Benedetta.

Uomo colto e di grande cuore, devoto alla Madonna dell'Archetto in via di San Marcello vicino piazza Venezia (CLICCA PER INFO), è stato segretario e poi presidente dell'Associazione cattolica promotrice di buone opere, di cui sono stati soci frequentatori molti Rusciani (Mario Lotti, Simone Angelini, Mariano Vannozzi, Biagio e Mario Peroni e molti altri), associazione legata alla chiesa di Ruscio e in particolare a Don Sestilio. (CLICCA PER ARTICOLO DE "LA BARROZZA")

Lo ricordiamo con ammirazione e ci sentiamo vicini alla moglie, ai figli, ai nipoti e a tutta la famiglia dei  Peroni di Ruscio.

I.P. 

 
< Prec.   Pros. >