Home arrow La Barrozza arrow Pasqua 2015 - anno XXIV n. 1 arrow La discarica della Pro Ruscio

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
La discarica della Pro Ruscio PDF Stampa E-mail
La Barrozza - Pasqua 2015 - anno XXIV n. 1
Scritto da il Consiglio Direttivo   

La vicenda della  discarica  (termine da noi assolutamente giudicato incongruo nel definire la raccolta dell’erba del Parco, del Campetto e di alcuni Rusciari che non sapevano dove depositare gli sfalci del proprio giardino) della Pro Ruscio, e’ a tutti voi ben nota.

La notizia di quanto accaduto, la denuncia del Nucleo Ecologico Operative dei Carabinieri, la conseguente Ordinanza del Sindaco, l’esecuzione immediata da parte della Pro Ruscio di quanto ordinato - grazie alla insostituibile disponibilità’del Consigliere Luigi Portale- le possibili ricadute amministrative e penali a carico del Presidente Vittorio Ottaviani e del proprietario del terreno Isidoro Peroni  - che desideriamo ancora ringraziare per la serenita’ con la quale ha voluto gestire la faccenda, le ripercussioni in seno al Consiglio Direttivo -  con le dimissioni, poi ritirate, del Segretario Francesco Peroni, e, in ultimo, la lettera del Sindaco indirizzata al nostro Presidente, hanno riscosso una eco insospettabile e tanti sono stati i messaggi di solidarietà’ giunti, oltre a decine di telefonate di incoraggiamento di Soci e non solo.

Lungi dal voler creare polemiche avverso gli attori della vicenda e dal rinfocolare motivi di dissapore sia con l’Arma dei Carabinieri che con l’Amministrazione Comunale - cui, con la nostra comunicazione deliberata all’unanimita’ nel Consiglio del 13/03/2015, ribadivamo piena fiducia - pubblichiamo, di seguito, alcuni contributi dei nostri Soci, considerando chiusa la triste faccenda.

 
< Prec.   Pros. >