Home arrow Archivio News arrow Il Segretario Francesco Peroni si autosospende dall'incarico

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2015
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Il Segretario Francesco Peroni si autosospende dall'incarico PDF Stampa E-mail
Novita' da Ruscio - News
lunedì 22 dicembre 2014
Il Segretario Francesco Peroni, si autosospende dall’incarico di Segretario della Associazione Pro Ruscio.

thumb_logo ruscio.jpg

Carissimi Soci,

mi corre l’obbligo di comunicarVi la decisione di autosospensione dall’incarico presa dal Segretario Francesco Peroni, a seguito dell’Ordinanza del Sindaco di Monteleone, scaturita a seguito di un accertamento dei Carabinieri, in merito alla presunta esistenza di una discarica di rifiuti speciali sul terreno del Parco del Fiume Corno.

clicca sulle immagini per ingrandirle

Ad oggi, non abbiamo notizie ufficiali circa l’evento scatenante tale indagine dell’Arma: se nata da un  controllo routinario del territorio o da una denuncia mirata a colpire la nostra Associazione.

Ma abbiamo, pero’, una certezza: il tutto ci sembra assolutamente esagerato e punitivonon solo per il socio Isidoro Peroni, proprietario del terreno sul quale insiste il Parco, ma anche e soprattutto  per la Pro Ruscio promotrice della iniziativa: si tratta di un piccolo mucchio di erba, in un prato. Nulla di piu’. E in giro mi pare ci sia ben di peggio. Tuttavia, nel rispetto dell’Ordinanza, ottempereremo al piu’ presto a quanto richiesto.

Conosco bene Francesco e so quanto abbia ponderato tale sofferta decisione che, senza ombra di dubbio, riconferma a tutti noi non solo la sua dedizione alla Associazione Pro Ruscio, ma anche il suo  alto senso di responsabilita’.

Non posso che prendere atto, con serieta’ e rispetto, di tale decisione, confidando che le annunciate dimissioni possano essere riconsiderate, stante la immutata mia fiducia personale e dell’intero Consiglio Direttivo oltre che e la solidarieta’ dei Soci tutti.

Di questa vicenda, lungi dall’essere risolta e conclusa, dovremmo a lungo discutere al nostro interno, soprattutto intensificando il dialogo con la Pubblica Amministrazione per una collaborazione con il movimento del volontariato nell’ottica dell’interesse generale del nostro Paese.

Di seguito riporto, per Vostra maggiore conoscenza la comunicazione che ho ricevuto dal Segretario.

Nelle more della convocazione del Consiglio Drettivo, ai soli fini della amministrazione della Associazione, assumo ad interim l'incarico di Segretario.

Riconfermo, una volta ancora, la mia personale fiducia e, ne sono certo di tutti i Consiglieri, nell'operato di Francesco Peroni, e confido che Consiglieri e Soci gli vogliano esprimere la loro affettuosa solidarieta'.

Il Presidente
Vittorio Ottaviani

 


 

Ruscio, 21 dicembre 2014

Egregio Presidente, caro Vittorio,

con grande rammarico ritengo giusto e corretto, nei confronti tuoi, dei Consiglieri e dell’Associazione, autosospendermi dall’incarico di Segretario della Associazione Pro Ruscio in attesa che il Consiglio Direttivo, nella sua interezza, possa approfondire la recente vicenda inerente l’Ordinanza del Sindaco di Monteleone di Spoleto dello scorso 27 novembre ed adottare le deliberazioni che riterra’ piu’ opportune.

Come a te ben  noto, tale Ordinanza, notificata alla Procura della Repubblica di Spoleto, al Presidente della Provincia di Perugia, alla Polizia Municipale, contesta all’amico Isidoro Peroni il fatto che nel terreno di sua proprieta’, affittato per un euro simbolico alla Associazione Pro Ruscio, veniva stoccata una quantita’ di 25 metri cubi di rifiuti speciali non pericolosi, in violazione dell’art.lo 192 del d.lgsl. 152/2006.

Il Sindaco ordina, pertanto, la rimozione di tali “rifiuti speciali” mediante una onerosa operazione di bonifica ambientale e trasporto in discarica e comunica la trasmissione dell’atto all’autorita’ giudiziaria e al Presidente della Provincia di Perugia ai fini dell’irrogazione della sanzione prevista dalla L.R. 25/2009.

Tali contestazioni - oltre al costo economico che dovra’ essere sostenuto dalla Pro Ruscio per lo smaltimento in discarica e per l’eventuale sanzione penale - risultano essere particolarmente lesive della reputazione Tua e della nostra Associazione e soprattutto al socio Isidoro Peroni che ha messo a disposizione il proprio terreno per la realizzazione del Parco del Fiume Corno, con grande disponibilita’ e generosita’.

Sono stato  promotore e sostenitore dell’iniziativa “Ruscio piu’ verde” che prevedeva la raccolta degli sfalci d’erba del Parco e del Campetto, per poterne ricavare terriccio da utilizzarsi come fertilizzante, come poi effettivamente fatto dai bambini affidatari degli alberi del Parco.
Cio’ anche e soprattutto per favorire gli abitanti di Ruscio che avrebbero dovuto recarsi presso la discarica di Cascia per gettare l’erba tagliata dai loro giardini, percorrendo circa 24 chilometri, sopperendo, cosi’, ad una grave mancanza strutturale nella raccolta dei rifiuti nel nostro Comune.

Purtroppo, mi rendo conto, che, come tante, troppe volte, al “praticamente giusto” si opponga il “tecnicamente lecito” e che l’applicazione “millimetrica” e meramente burocratica della legge vada contro quello che e’ il “senso del buon padre di famiglia”.

Stante tale situazione scaturita da una iniziativa da me proposta, che, ripeto, ritengo altamente lesiva del buon nome della nostra Associazione, del socio Isidoro Peroni, della Tua persona, Ti prego considerarmi sospeso dall’incarico di Segretario e di convocare quanto prima il Consiglio Direttivo al quale presentero’ le mie dimissioni da Consigliere.

Con stima.

Francesco Peroni

 
< Prec.   Pros. >