Home arrow Da visitare arrow CHIESA DI S. LUCIA

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2015
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
CHIESA DI S. LUCIA PDF Stampa E-mail
Da visitare - DA VISITARE A RUSCIO


Riportiamo nella presente sezione del nostro sito alcuni stralci delle schede storico artistiche gia' pubblicate sulla nuova App (application)  voluta dal Comune di Monteleone di Spoleto (PG)  e realizzata dalla società KBsolutions di Perugia scaricabile gratuitamente dal sito http://www.monteleonedispoletoeventi.it/Official-App-Support.html o anche https://play.google.com/store/apps/details?id=it.kbsolutions.Monteleone&hl=it , per permettere una maggiore diffusione tra tutti coloro che ancosa non avessero dimestichezza con l'utilizzo di periferiche smartphone.

Le schede che riportiamo, tratte da un ben piu' ampio catalogo, presente sulla APP di Monteleone, sono state realizzate dai ricercatori Stefano Vannozzi e Dr.ssa Valentina Marino, storica dell'arte.

Di tale meritoria iniziativa del Comune di Monteleone di Spoleto avevamo pubblicato in:
Marino V. , Arte, storia e beni culturali di Monteleone (Ruscio, Trivio e dintorni), in «La Barrozza», a. XXIII, n.2 , estate 2014, p.12


CHIESA DI SANTA LUCIA

All’estremità del piano di Ruscio, vicino alla gola delle ferriere, in corrispondenza dell’antico tracciato viario per Cascia e al disotto del piano stradale dell’odierna via provinciale, è la Chiesa di Santa Lucia, la cui struttura è iniziata intorno al 1629 per volere di Andrea De Rossi (o De Rubeis) e terminata nel 1631 dal vicario foraneo D. Domenico De Rubeis (o De Rossi), su un fondo di loro proprietà e in corrispondenza di un antico incrocio viario, tagliato dalla viabilità moderna. Nei pressi, poco a monte, è ubicata l’omonima fontana con un’acqua minerale ritenuta di proprietà terapeutiche.

S. Lucia e Monte Pizzero (foto di Stefano Vannozzi)

Nella visita del Vescovo Lascaris del 1712 è brevemente descritta come “posta ai piedi della discesa di Monteleone verso il piano presso l’origine del Tissino. Reca dipinta su tela l’immagine della titolare. Fu dotata senza alcun legato di un appezzamento di terra da Domenico Rossi. Ormai è diruta e aperta”.

Di modeste dimensioni, presenta una semplice facciata intonacata con una finestrella, un piccolo oculo superiore e un campaniletto a vela. L’ingresso in pietra è formato da elementi litici, fra cui un architrave, a forma di frontone, sul quale è centralmente scolpita una croce latina a bracci strombati posta su tre monti, nei quali sono incise le iniziali del cofondatore “D. D. R.” (Domenicus De Rubeis); al di sotto è la data di consacrazione (1631). Sullo stipite sinistro, forse di riutilizzo, sono scolpite una croce patente entro uno stemma tondo e un simbolo solare, leggibile anche come monogramma a croce con le iniziali di Cristo (“I” di Jesus e la forma “X” come consonante aspirata del “ch” di Christus). Nella parte alta del prospetto, là dove è oggi visibile una vistosa cavità, era murato fino a pochi anni addietro lo stemma in pietra della famiglia monteleonese dei De Rubeis, raffigurante un cavallino e una testa di moro divisi da una banda, sparito in un recente furto.

Il piccolo ambiente presenta all’interno un pavimento moderno in mattoni e un semplice altare, presso il quale era collocata una tela a olio seicentesca, raffigurante i Santi Lucia, Apollonia e Cristina. La pala d’altare è stata ricoverata presso il Convento di San Francesco di Monteleone dopo un maldestro tentativo di asporto da parte di ignoti, che ha danneggiato il supporto pittorico.

Presso questo luogo, posto ai piedi del paese e su uno degli accessi più importanti, nella notte del 18 febbraio 1799 si accampa un drappello di truppe francesi, proveniente da Norcia e diretto ad Arrone, che esige vettovaglie e fucila tre giovani monteleonesi, rei di aver opposto resistenza e segnalato il suo arrivo alla popolazione con degli spari.

Oggi la chiesetta campestre non conserva particolari memorie storiche ed è aperta al culto solo in occasione della festività religiosa della Santa titolare, che cade il 13 dicembre.

 
< Prec.   Pros. >