Home arrow La Barrozza arrow Estate 2013 - anno XXII n. 2 arrow UN ALBERO , IL RICORDO DI UNA PERSONA CARA

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
UN ALBERO , IL RICORDO DI UNA PERSONA CARA PDF Stampa E-mail
La Barrozza - Estate 2013 - anno XXII n. 2
Scritto da Pier Paolo Vannozzi   

Dopo quattro anni di lontananza sono tornato nella mia casa di Ruscio. Ho ritrovato tutte le mie cose in ordine. Anche le piante del giardino, messe a dimora più di quindici anni orsono, sono cresciute ampliando abbondantemente le loro fronde. Le mie betulle sono oramai svettanti. Sono state il segno premonitore di un legame che mi avrebbe unito con il paese nordico che è il loro regno, la Finlandia.

Tra le altre anche una piccola pianta che ha stentato a lungo nel prendere dimora è cresciuta. Si tratta di un faggio che mi fu regalato in un giorno d’estate di tanti anni fa da Carlo Belleggia. Era un piccolo ramoscello. Ora la sua fronda larga crea una piacevole ombra sul prato.

Una pianta che cresce, la sua vita, il ricordo di una persona cara che non è più tra noi.  

 
< Prec.   Pros. >