IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
La Pasquarella PDF Stampa E-mail
La Barrozza - Pasqua 2012 - anno XXI n. 1
Scritto da proruscio   

Assolutamente da non confondere il nome della Pasquarella, con la festa della Pasqua cristiana.
La tradizione della Pasquarella, ben descritta da Pierpaolo Vannozzi in un numero passato de “La Barrozza” (cfr 1996, anno V, n.3),  si perpetua, anno dopo anno, e quest’anno anche a  Ruscio e’ passato un nutrito gruppo di cantori, in occasione del Natale, per l’Epifania di Gesu’.
Il buon augurio per l’anno a venire e’ salutato con questo canto propiziatorio che, dopo una parte legata alla celebrazione dell’evento religioso, passa a trattare i temi dell’attualita’. 

Riportiamo il testo di una Pasquarella scritta appositamente per l’anno 2012:

Esurtate braa gente
Esta è ‘na bona nottata
‘Na cratura mo è vinuta
Pe’ sarvà l’umanità

Jo la rotta de Betlemme
La Madonna l’ha ‘nfantata
E sta tello ‘nfriddulita
S. Giuseppe la sta a scallà

Comme ‘ll’atra pora gente
J’è remastu puocu o gnente
Co’ sta crisi che n’finisce
N’ciaju mancu da magnà

Pe’ furtuna ri pastori
Che mo suò meno tassati
Ciau lo caciu e ri crastati
Che je vuò tello a portà

E può esso ri Re Maggi
Iji che non fau stravizzi
Ciaju oro e vitalizzi
E ri doni n’gne fau mancà

Mmece nu mo ce ne imo
Accannati da la IMU
Co’ ri suordi che non c’imo
Que cosetta imo a ‘rmedià

Vistu che ru spredde è atu
E pure ru diabbete
Panittuni non ce date
Basta iju, che ce stuò a fa

Curi va jo la cantina
A pijà la saciccetta
Ru salame e la spalletta
Ru priciuttu non pò’ mancà

Mo che la binzina è cara
tecco a piei ce ne imo
porta liestu ‘n può de inu
stu motore se no non và

Tra ri Monti e ri Tremonti
tecco n’tornanu ri cunti
se ru debbitu non cala
la pinsione non aspetta

Se que suordu cite ancora
lu putite caccia fora
pe’ su Sant’Agustinucciu
Do ru tittu se stà a sfascià

E mo tecco ce ne imo
ve protegga ru Bambinu
e s’accolli ru distinu
Bona Pasqua e sanità

TESTO: DELLE GROTTI LORENZO
MUSICA: VALESINI PIERLUIGI

 


 

CONTENUTO SPECIALE PER LA BARROZZA WEB:

PER SAPERNE DI PIU' SULLE PASQUARELLE GUARDA IL VIDEO

 
< Prec.   Pros. >