Home arrow Archivio News arrow Ruscio in lutto

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Ruscio in lutto PDF Stampa E-mail
Novita' da Ruscio - News
venerdì 20 gennaio 2012
Ci ha lasciato Quinto Poli

Oggi, 20 gennaio 2012, e 'morto Quinto Poli.

Nato a Ruscio nel 1934, molto legato al paese, lascia la moglie Lucia, le figlie Ida, Enza e Maria, la sorella Pasqua.

I funerali di terranno nella Chiesa di S. Remigio in Colle Verde di Guidonia, sabato 21 gennaio, alle ore 9,30.

Si celebrera' una funzione religiosa a Ruscio, nella Chiesa della Madonna Addolorata.

Il Consiglio Direttivo e i Soci tutti si stringono con affetto ai familiari e amici.

---------------------------------------

Riportiamo un breve articolo, pubblicato in occasione della Festa della Madonna Addolorata del 2009, che racconta la sua esperienza lavorativa e di imprenditore.

Quinto Poli, figlio di Ercole e Innocenza Giovanetti, nel 1947, all’età di 13 anni, lascia Ruscio e i lavori agricoli per lavorare il carbone e la legna presso il negozio dello zio Diamante Poli.

Nel 1955 ha aperto una attività commerciale a Città Giardino di imbottigliamento del kerosene in latte con la collaborazione della Società API.

Nel 1964 apre un negozio sulla Via Nomentana di carbone e legna e per la gestione del combustibile per il riscaldamento.

Nel 1972, avendo fortemente incrementato l’attività di fornitura del combustibile e non potendo più gestire elevate quantità di carburante, per ovvi motivi d sicurezza, dopo aver acquistato, tramite l’ausilio del padre,  un terreno a Guidonia, ha trasferito tutta la sua attività costruendo in Via Montenero 15, all’altezza del Km 15 della Via Nomentana, un grande magazzino-deposito di combustibili per riscaldamento e per autotrazione. Sempre nel 1972 passa alla collaborazione con l’AGIP che, per la sua attività, nel 1984 gli riconosce un premio “fedeltà”di 80 milioni.

Con la collaborazione dei figli ha dato vita anche ad una attività di costruzione e vendita , sempre nella zona di Guidonia, di edifici commerciali di ampie metrature e su diversi piani. Scomparso prematuramente il figlio Ercole, all’azienda oggi collaborano le figlie Ida e Maria.

 
< Prec.   Pros. >