Home arrow La Barrozza arrow Natale 2011 - anno XX n. 3 arrow Il saluto del comandante generale della Guardia di Finanza Generale C.A. Nino Di Paolo

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Il saluto del comandante generale della Guardia di Finanza Generale C.A. Nino Di Paolo PDF Stampa E-mail
La Barrozza - Natale 2011 - anno XX n. 3
Scritto da Gen. C.A. Nino Di Paolo   

Indirizzo di saluto del comandante generale della Guardia di Finanza Generale C.A. Nino Di Paolo in occasione della manifestazione Ruscio e il Risorgimento:
”Cade un Confine, Chiude una Dogana, nasce una Nazione”

Autorità, gentili ospiti,

desidero innanzi tutto rivolgere il piu’ cordiale saluto e un sentito ringraziamento – a nome della Guardia di Finanza tutta – per aver voluto onorare, con l’organizzazione di questa manifestazione, l’eredità morale che i nostri predecessori, finanzieri dello Stato Pontificio, hanno lasciato quale significativa prova del ruolo da essi svolto a tutela dell’erario ma anche per il controllo militare e sanitario delle frontiere.

La targa che e’ stata apposta sull’edificio, antica caserma della truppa di finanza pontificia, costituirà, per il tratto a venire, una testimonianza storica dell’esistenza, nel vostro paese, di un presidio a garanzia degli interessi economico-finanziari della collettività.

L’opportunità che viene offerta con questa cerimonia, costituisce un attestato inequivocabile della stima, della considerazione e – permettetemi – anche dell’affetto nutrito nei confronti delle fiamme gialle, tangibile riconoscimento per l’impegno profuso quotidianamente e senza riserve, per il raggiungimento dell’Unità Nazionale.
Di questo ci sentiamo profondamente onorati.

A Voi tutti, rinnovo il mio sentito “grazie” per aver voluto condividere con noi quest’importante e significativo momento per la comunità di Ruscio e Monteleone di Spoleto

Viva la Guardia di Finanza, Viva l’Italia

 

 
< Prec.   Pros. >