Home arrow Archivio News arrow Calendario della Valle – Aprile 2011

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Calendario della Valle – Aprile 2011 PDF Stampa E-mail
Novita' da Ruscio - News
lunedì 14 marzo 2011
a cura del Servizio Turistico Associato

Calendario della Valle – Aprile 2011

Cascia
Processione del Cristo morto
22 aprile, ore 21.30
Collegiata di Santa Maria - vie della città

La Processione,che rievoca  la passione di Cristo, muove dalla Collegiata di Santa Maria lungo le vie della cittadina, illuminate per l’occasione con lumini e torce. Il grido lamentoso delle donne e degli uomini che all’unisono intonano il Miserere, e lo strisciare impetuoso delle catene che i Penitenzieri, rigorosamente incappucciati, legano ai piedi nudi, per rendere ancora più aderente il loro incedere alla salita sul Golgota, sono gli unici squarci sonori di questa notte carica di misteri.
Le stazioni della Via Crucis, dipinte su stendardi si drammatizzano, con la presenza di uomini e donne, che replicano il mistero dell’evento. Il feretro del Cristo morto, trasportato a spalla, segue i Penitenzieri, gli anonimi espiatori che nascondono il loro corpo ed il loro volto sotto vesti nere, quasi a volersi confondere con le tenebre della notte.
             

Norcia
Processione del Cristo morto
22 aprile, ore 21.30
intorno alle mura di cinta della città

A Norcia la Processione del Cristo morto sfila lungo le mura cittadine, il corteo con oltre quattrocento partecipanti in costume rappresenta le scene in quadri viventi. La crudezza della rappresentazione cresce man mano che ci si avvicina al momento della crocifissione: da lontano si intravedono le croci sulle quali tre uomini rivivono e fanno rivivere il dramma.


Preci, Abbazia di Sant’Eutizio
Processione del Cristo morto
22 aprile, ore 21.00

Nel suggestivo scenario dell’Abbazia di S. Eutizio, una volta il maggior centro di potere economico e politico della zona, fondata verso la fine del sec. V dal monaco siriano Eutizio, si terrà il giorno 21 Marzo alle ore 21.00 la rappresentazione della Passione di Cristo. Il percorso dei personaggi e gli episodi saranno accompagnati dalla lettura dei testi del Vangelo, mentre la declamazione delle lamentazioni e del pianto della Madonna saranno tratti dalle Laudi di Jacopone da Todi. Gli attori principali, Gesù, Maria e gli Apostoli reciteranno le scene della Passione, dalla cattura nell’Orto degli Ulivi fino alla sepoltura. I caratteristici costumi d’epoca, la splendida cornice dell’Abbazia e le suggestive musiche di accompagnamento rendono la rappresentazione particolarmente suggestiva.


Monteleone di Spoleto
Processione del Cristo morto
22 aprile, ore 21.00

Il Venerdì Santo c’è l’esposizione del Santissimo Sacramento con l’Adorazione Liturgica che si svolge dalla mattina fino al momento dell’azione liturgica, alla sera. Le campane della chiesa non suonano, in segno di lutto per la morte di Gesù. Momenti caratteristici del Venerdì Santo sono l’Adorazione della Croce e la Processione che si svolge con la conclusione dell’azione liturgica. La processione inizia dalla chiesa di S. Francesco, si snoda per le vie principali del paese fino ad arrivare in pineta. Personaggi  significativi sono le Pie Donne, interpretate da tre ragazze del paese completamente vestite di nero e con il viso coperto in segno di lutto, che seguono la statua del Cristo morto. La manifestazione è organizzata dalle due confraternite del paese: quella del Santissimo Sacramento (i Bianchi) che ha il compito di portare in processione il S. Sacramento e quella della Buona Morte (i Neri) che porta la croce e le statue di Gesù morto e della Madonna addolorata.


Monteleone di Spoleto
Processione di Pasqua
24 aprile, ore 12.00

La processione muove dalla Chiesa di San Francesco. Costruzione monumentale del Castello (10.720 metri cubi tra chiesa e convento). Oratorio benedettino prima, e dei frati dell’Ordine dei Minori Conventuali poi, fu da quest’ultimi ingrandito intorno al 1285. Il nucleo primitivo risalente al XIII sec., aveva una sola navata con il tetto a capriate e tavelle. All’interno sono presenti affreschi (sec. XV e XVI), tele (sec. XVII e XVIII), dipinti (sec. XVII), sculture lignee (sec. XV), crocifissi lignei (sec. XIV e XV), il coro in noce con 15 stalli (sec. XV) e l'organo (sec. XV). Nel presbiterio della parte inferiore, dedicata a S. Antonio Abate ed a S. Antonio di Padova, sono ancora oggi ben conservati affreschi del XV sec. Nella navata, ora adibita a teatrino, si aprono due arcosolii in pietra con preziosi dipinti della seconda metà del sec. XIII. La processione dopo aver percorso le vie della città fa ritorno al luogo di partenza.


Vallo di Nera
Colazione di Pasqua in Piazza
24 aprile, ore 10.00

Vallo di Nera è un libero castello fondato nel 1217, l’insediamento sorge sopra un colle a dominio di uno slargo della valle del Nera. La mattina di Pasqua è nella splendida cornice della Piazza di San Giovanni che viene consumata la ricca colazione pasquale. Salumi, formaggi, uova sode, frittate, pizze di pasqua dolci e salate, uova di cioccolata, sono i protagonisti della colazione vallana. 

Monteleone di Spoleto
Processione di Pasquetta
25 aprile, ore 17.00

La processione parte dalla chiesa di San Giovanni e seguita dai fedeli arriva nella Chiesa di San Francesco.


Norcia, Campi
Festa del Piantamaggio
30 Aprile

La sera del 30 Aprile, alcuni volontari piantano un albero, a sostituzione del “maggio” vecchio. Generalmente il “maggio” è un pioppo scelto fra tanti per la sua imponenza e lunghezza. Una volta spogliato della corteccia simbolo di purezza e fertilità, viene poi aggiunto un ramo rigoglioso simbolo dello sbocciare dell’amore, infine sulla sommità del “maggio” viene innalzata la bandiera italiana simbolo patriottico. La festa risale a tempi remotissimi, la festa fu sicuramente pagana, per celebrare i riti di maggio, della fertilità e della rinascita della terra.
 


Preci e frazioni
Festa del Piantamaggio
30 Aprile

L’antica tradizione del piantamaggio vuole che gli abitanti di Preci e dei paesi limitrofi si rechino nel pomeriggio del 30 aprile, lungo gli argini del fiume alla ricerca di un albero di pioppo da tagliare. L’albero viene privato della corteccia, adornato di una fronda e della bandiera nazionale, in seguito all’addobbo il maggio viene piantato nella piazza principale. Il rito propiziatorio è espletato per favorire la crescita dei frutti e del foraggio, ma in passato questa festa forniva anche l’occasione per formare nuove coppie di fidanzati. Dopo aver piantato il maggio tutti coloro che hanno partecipato danno inizio al rinfresco. La serata viene è vissuta come un momento di allegria e unione.


SANT’ANATOLIA DI NARCO
“Primavera in Valnerina”: Mostra-Mercato del giardinaggio e del florovivaismo.
29 Aprile ore 15.00 inaugurazione e apertura della mostra
30 Aprile e 1 Maggio, orario apertura dalle 9.00 alle 19.30. Biglietto all’ingresso.
Complesso Abbaziale dei Santi Felice e Mauro.

 
Il 29-30 Aprile e 1 Maggio il complesso romanico dei  Santi Felice e Mauro, che la tradizione vuole edificato nel 1190 su un preesistente insediamento monastico del VI sec. fa da sfondo alla manifestazione Primavera in Valnerina, dove protagonista è la natura nei suoi aspetti del florovivaismo e del giardinaggio di qualità. In uno splendido scenario è possibile visitare stands espositivi dedicati agli amanti del giardinaggio, dove sarà possibile acquistare le diverse specie di piante officinali o rare, d’arredamento o commestibili, ed assistere a dimostrazioni sull'arte dell’intreccio di vegetali, primo fra tutti il vimini. Sarà inoltre possibile assistere alla realizzazione istantanea di oggetti in ebano da parte di un abilissimo artigiano. In questi giorni chi voglia conoscere le essenze arboree e floreali autoctone, può visitare il Giardino Appenninico della Comunità  Montana della Valnerina, poco distante dall’Abbazia di S. Felice, che pensato come Parco Didattico Appenninico ripropone tutte le fasce fitoclimatiche, dall’ambiente fluviale a quello montano degli Appennini, e che nei due giorni della manifestazione ospita Convegni ed Incontri sul vasto argomento del mondo delle piante.


N.B. Le date e gli eventi contenuti nel presente calendario potrebbero subire variazioni non dipendenti da questo Servizio Turistico, che ne ha solamente lo scopo divulgativo.
Si consiglia di verificare lo svolgimento della manifestazione contattando il nostro numero 0743.71147 o il Comune di riferimento.


Ufficio Informazioni di Cascia - Piazza Garibaldi, 1
Tel. 0743/71147 – fax 0743/76630 -
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Ufficio Informazioni di Norcia - Piazza San Benedetto, 1
Tel e fax 0743/828173
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

www.lavalnerina.it


Comuni della Valnerina

Comune di Cascia – tel. 0743/75131
Comune di Cerreto di Spoleto – tel. 0743/91307
Comune di Monteleone di Spoleto – tel. 0743/70421
Comune di Norcia – tel. 0743/824911
Comune di Poggiodomo – tel. 0743/759001
Comune di Preci – tel. 0743/937808
Comune di Sant’ Anatolia di Narco – tel. 0743/613149
Comune di Scheggino – tel. 0743/613232
Comune di Vallo di Nera – tel. 0743/616143

 
< Prec.   Pros. >