Home arrow Archivio News arrow Ruscio in lutto

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Ruscio in lutto PDF Stampa E-mail
Novita' da Ruscio - News
lunedì 14 marzo 2011
Ci ha lasciato Ferruccio Vannozzi

 

Sabato 12 Marzo, ci ha lasciato, improvvisamente, Ferruccio Vannozzi, all'eta' di 79 anni.

La Associazione Pro Ruscio si stringe con affetto ai figli e familiari.

I funerali si terranno nella Chiesa Gran Madre di Dio, via Cassia 1, il giorno 16 alle ore 14.00.

---------------------------------------

Ricordiamo la sua figura, trascrivendo un brano tratto dal VI Quaderno di Ruscio, che riportava brevi profili dei Ruciari a lavoro.

"Il padre di Roberto, Ferruccio, figlio di Tito Vannozzi e di Rita Orlandi, è nato a Roma il 23 Maggio 1931, perché il padre aveva lasciato Ruscio per andare a lavorare presso i vari negozi di carbone e legna che i compaesani avevano aperto a Roma.

Nel 1928 Tito apre un proprio negozio di carbone e legna in Via orti della Farnesina, dove abitava  e più tardi, nel 1932, si sposta in vicolo della Farnesina  in un piccolo negozio ma con ampie cantine dove poteva accumulare circa 2000 q.li di carbone per le esigenze del suo commercio nella zona di Ponte Milvio e di Prima Porta, incrementando anche la vendita di bombole di gas della “Domogas” tenute nel piccolo magazzino a fianco del negozio
Nel 1956, Ferruccio amplia la propria attività aprendo un negozio di casalinghi ed elettricità dove tutt’oggi opera il figlio Roberto.

L’estro commerciale di Ferruccio lo porta anche ad aprire una attività di vendita di frigoriferi, lavatrici, cucine e lampadari con una esposizione sempre in via della Farnesina, ma nel 1973, per la grande concorrenza, per una politica dei prezzi non sempre in linea con il mercato dei grossi rivenditori e per il fatto di essere solo a gestire tale commercio, ha chiuso tale attività.

Ferruccio ha un altro figlio, Bruno, che è impegnato nel settore dell’abbigliamento di alta moda."

 
< Prec.   Pros. >