Home arrow Archivio News arrow La via del saltarello

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
I ritrovamenti archeologici di Pie di Immagine
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2018
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
La via del saltarello PDF Stampa E-mail
Novita' da Ruscio - News
giovedì 22 luglio 2010

Siamo lieti di proporre agli amanti delle tradizioni popolari questo insolito itinerario...

La via del saltarello
Umbria Tradizioni in Cammino

clicca sull'immagine per ingrandirla

Un’idea di itinerario dei saperi tradizionali con un tema specifico: il saltarello, da vivere, scoprire, insieme nella Valnerina ternana e perugina.

Tutto parte da San Giorgio di Cascia, dove da circa 30 anni, ogni agosto, Don Natale Rossi consulta la sua agenda per invitare alla rassegna gli organettisti, suonatori e custodi di un’arte antica e tradizionale: il saltarello.

Ecco nascere un percorso intorno a questo appuntamento, alla ricerca nel territorio e nella sua storia: cosa c’era, cosa è rimasto e cosa si muove intorno al saltarello suonato danzato - cantato.

Scomparso da anni il “saltarello funzionale”, quello che si identificava in una società ancora raccolta intorno a saperi e usanze tradizionali, dove la danza e il canto erano espressione di momenti di vita, si è andato configurando nel tempo un saltarello più legato allo spettacolo e al virtuosismo dei suonatori e dei cantori, meno riferito alla pratica della danza che si perde nella memoria dei più anziani.

Oggi il saltarello si suona e si canta sull’organetto, per rivendicare una appartenenza territoriale e identitaria, spinti dal fatto che suonare la musica tradizionale su quello strumento è ormai anche un fatto“di tendenza”, ma anche una sfida di forza, di capacità tecnica e oltre che l’indispensabile supporto al canto degli stornelli, vera identità culturale umbra.

Grazie al sostegno dello Servizio Turistico Associato della Valnerina e alla collaborazione del CEDRAV, l’ Associazione Sonidumbra promuove la prima Via del Saltarello, per scoprire, conoscere e documentare questo movimento in evoluzione, articolato tra appuntamenti assolutamente tradizionali, incontri di studio e approfondimento, momenti di spettacolo innovativi.

E’ solo l’inizio di un percorso che vorrebbe ampliarsi con il tempo, per diventare un tracciato alla ricerca di posti interessanti dove fare tappa. 
 
Servizio Turistico Associato
Comprensorio dei comuni della Valnerina
IAT - Informazioni Accoglienza Turistica
Piazza Garibaldi,1 06043 - Cascia
Tel. + 39 0743 71401 Fax +39 0743 76630
e-mail:
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 
< Prec.   Pros. >