Home arrow La Barrozza arrow Natale 2009 - anno XVIII n. 3 arrow Scoperta archeologica ai Piani di Ruscio-Trivio

IN EVIDENZA

 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

MENU

Selezione Notizie da Web
---------------------------------------------
La Barrozza
I Quaderni di Ruscio
Cronache Moderne
---------------------------------------------
Archivio News
La Grande Guerra in Valnerina 1915 - 2015
La Miniera di Ruscio
Il campo di prigionia PG n. 117
Notiziario Parrocchiale
---------------------------------------------
Ruscio Solidale
---------------------------------------------
Area riservata
Segreteria Pro Ruscio
---------------------------------------------
Disclaimer
---------------------------------------------
Advertisement
Advertisement

Sondaggi

La piu' bella realizzazione della Pro Ruscio:
 
Le sezioni piu' interessanti del sito www.proruscio.it
 

Area Riservata






Password dimenticata?
Scoperta archeologica ai Piani di Ruscio-Trivio PDF Stampa E-mail
La Barrozza - Natale 2009 - anno XVIII n. 3
Scritto da Marco Menichini   

Tra i mesi di ottobre e novembre del corrente anno 2009, durante i lavori per la messa in opera della conduttura fognaria che collega la frazione di Trivio al depuratore, sono venuti alla luce una seria di reperti archeologici, di enorme valore dal punto di vista storico e che servono a dare maggiore luce agli eventi e alla storia di Monteleone e della sue frazioni Ruscio e Trivio.


I lavori gestiti dalla V.U.S. spa, durante l’attraversamento dei terreni di proprietà del Prof. Peroni in località Piédimmagine hanno riportato alla luce una serie di strutture di varie epoche che creano uno spaccato cronologico molto interessante, partendo dall’età romana fino ad arrivare al basso medioevo.

Ci troviamo in un contesto molto particolare, perché l’area è sita su una delle vie di comunicazione che collegavano Roma con Villa San Silvestro, che come ormai appurato dagli studi condotti dall’università di Perugia era uno dei grandi centri demici, insieme a Norcia, dell’alta Sabina, il sito infatti si può datare tra il 290 e il 100 a.C. e costituisce una testimonianza molto importante di come Roma gestì il territorio circostante creando un punto di riferimento politico, amministrativo e commerciale;  imponenti edifici pubblici e templi vennero costruiti sul sito che diventò il più vasto centro economico e produttivo dell’area di riferimento.

Di Norcia sappiamo che viene conquistata da Roma all’inizio del III secolo a. C. ottenendo la cittadinanza romana nel 268 a.C., diviene prima Prefettura, cioè diventa un organo dell’amministrazione decentrata e poi Municipio, nella Roma antica un municipium era una città assoggettata all'Urbe, ma alla quale era stata concessa la cittadinanza romana, che era però una cittadinanza che oggi potremmo definire onoraria, in quanto non associata ai diritti politici (civitas sine suffragio).
Si può ipotizzare che anche il territorio di Monteleone ricada all’interno della gestione amministrativa di Villa San Silvestro, proprio in quel periodo si può ipotizzare la costituzione del primo centro di età romana nella frazione di Trivio, infatti Monteleone nascerà soltanto nel IX d.C. con la costruzione del castello, in realtà si dovrebbe parlare, almeno per l’epoca romana, di territorio di Trivio.

Proprio sull’antica strada che collegava Ruscio a Trivio sono uscite tre tombe di epoca romana di cui la datazione è ancora incerta, che presentavano al loro interno un corredo in parte depredato e distrutto nei secoli successivi a causa anche del riutilizzo che ne è stato fatto come sepoltura plurima durante i secoli. Infatti durante l’alto medioevo all’incirca tra il VI e il VII secolo d.C. vi nascerà una piccola chiesa ad aula semplice absidata che ha proprio funzione cemetariale, cosi da creare una piccola necropoli tutto all’intorno dell’edificio.
La chiesa presenta un crollo laterale dovuta allo smottamento parziale della collinetta o forse al forte terremoto con epicentro a nord di L’Aquila del 1703 che distrusse vari edifici fino a Norcia e che produsse nella solo città di L’Aquila circa 8000 vittime.

Ora tutto è stato rinterrato per proteggere lo scavo dal rigore invernale che contraddistingue queste zone e che potrebbe rovinare i manufatti sopra citati.

(foto I. Peroni)

 
< Prec.   Pros. >